VENEZIA, DAL GOVERNO SUBITO 5MILA AI PRIVATI

(NoveColonneATG) Venezia – Subito cinquemila euro per i privati e 20mila per le attività produttive colpite. Sono le prime misure annunciate dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante la visita a Venezia, colpita da una mareggiata con pochissimi precedenti. “Sto rientrando di corsa a Roma dopo avere constatato di persona i danni che il maltempo ha provocato a Venezia – spiega Conte – Ho visitato anche l’isola di Pellestrina, una delle zone più danneggiate dall’acqua alta. Oggi (14 novembre, ndr) avremo un Consiglio dei Ministri: ci servirà per adottare subito misure concrete per sostenere Venezia e i suoi abitanti. Potremo così dichiarare lo stato di emergenza e stanziare subito le prime risorse per i soccorsi e il ripristino dei servizi”. Nel corso del Consiglio dei ministri, verranno varati anche i primi provvedimenti economici annunciati: “Avvieremo anche il piano per gli indennizzi: nella fase più immediata potremo erogare ai privati sino a 5.000 euro, mentre per le attività produttive sino a 20.000 euro. Per il 26 novembre ho convocato anche il ‘Comitatone’, per affrontare questioni cruciali come l’approdo delle grandi navi, il completamento del Mose e assicurare il coordinamento tra le varie Autorità. Venezia può contare sul sostegno del governo”. Sul Mose (Modulo Sperimentale Elettromeccanico), la complessa opera ingegneristica pensata per proteggere Venezia dalle alluvioni durante l’alta marea, “siamo in dirittura finale – assicura il premier – Siamo al 93% di realizzazione. Se valutiamo l’interesse pubblico non c’è che da prendere la decisione di completare nel modo più rapido ed efficace questo percorso che è ormai pressoché obbligato”. Il super commissario del Mose “sarà Elisabetta Spitz”, ex direttore dell’Agenzia del Demanio, secondo quanto confermato dal ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli, che fa anche sapere come l’obiettivo sia completare l’opera entro il 2021.